<
   

Lettera aperta al CCM esposti al rumore del tram


ASSOCIAZIONE INSIEME PER PRECOTTO
Costituita nel 1994
Iscritta all’albo delle Associazioni di Zona 2
PG 523165/2004


COMITATO DI QUARTIERE PRECOTTO
Viale Monza 224 - 20128 MILANO
Iscritto all’albo delle Associazioni di Zona 2
n. 118/08

INQUINAMENTO ACUSTICO DA TRAM A PRECOTTO

Sono Riccardo Magni, abito a Precotto, sono socio dell’Associazione Insieme per Precotto e coordinatore del Comitato di Quartiere Precotto.
Posso raccontare quanto abbiamo vissuto e stiamo vivendo nel quartiere di Precotto sul problema del rumore da tram o meglio dell’inquinamento acustico prodotto in situazioni particolari e specifiche.
Nel quartiere di Precotto esiste a servizio della città di Milano un deposito “strategico” per l’ATM.
È il deposito della metropolitana rossa; sorge in una zona che negli anni fino alla metà degli anni ’50 era zona “agricola”.
Alla progressiva cessazione della attività agricola in Precotto la zona circostante al deposito è stata urbanizzata. Sono sorti palazzi e il quartiere si è progressivamente popolato.
Il deposito della MM1 non ha mai dato problemi…
… fino a quando nel quartiere, anche a seguito della edificabilità del quartiere confinante di Bicocca, area ex-Pirelli, è stato realizzato un collegamento tramviario: la
linea 7. Il tram 7 collega la parte nord della città lungo l’asse ovest–est. Gli attuali capilinea sono da una parte piazza Cacciatori della Alpi e d’altra il deposito di Precotto
– via Anassagora. La linea è destinata nei piani comunali a proseguire fino a Cascina Gobba. Purtroppo su questa linea circolano i tram Sirio, quelli verdi lunghi 7 moduli, più anche i Sirietto e i vecchi tram arancioni. La tratta tramviaria nel quartiere di Precotto disimpegna la linea 7 e serve per il rimessaggio nel deposito ATM anche dei tram delle linee 4 e 31.
Per un difetto di progettazione da parte della MM le curve del percorso della linea tramviaria sono del tutto non compatibili con i tram Sirio che non hanno carrelli sterzanti.
Dal 7 luglio 2007 il quartiere di Precotto ha subito e sopporta un inquinamento acustico superiore ai limiti tollerabilità. Si sono raggiunti nelle curve, in particolare fra via Anassagora e via Tremelloni, anche 100 decibel, quando il limite di legge è previsto a 50/60 decibel. Questo limite di legge dovrebbe valere anche per le aziende di servizi pubblici. Purtroppo dal deposito, dalle 5:20 del mattino e fino a circa le 2 di notte, escono ed entrano ben oltre 100 tram. A questo si aggiunge il servizio ordinario della linea 7 durante il giorno. La concentrazione di massima percezione dell’inquinamento è nelle ore della mattina, per l’attivazione del servizio, e nelle ore serali. I tram nel deposito della ATM percorrono un tratto in curva; il rumore d’inquinamento è percepibile e percepito nel quartiere fin da là dentro.
Che cosa hanno fatto i cittadini per fronteggiare l’inquinamento acustico?
L’Associazione Insieme per Precotto e il Comitato di Quartiere Precotto lavorano di comune accordo.

In sintesi:

- Abbiamo raccolto il disagio dei cittadini e gestito la situazione con interventi civili ma progressivamente sempre più intesi.

- Abbiamo promosso una petizione pubblica di denuncia con la raccolta di oltre 1000 firme, che abbiamo indirizzato al Presidente della Atm e agli assessori comunali competenti, al sindaco Moratti e al vicesindaco De Corato.

- Abbiamo presentato esposti individuali di reclamo, da parte di singoli cittadini, attivando nel sito web di ATM la “funzione reclami” con costanza e continuità.

- Abbiamo presentato all’ATM ripetute e sempre circostanziate e puntuali lettere di segnalazione dei fatti, riconducendo la protesta a proposta. Abbiamo sempre messo per conoscenza il Consiglio di Zona 2, la Metropolitana Milanese, il vicesindaco De Corato e l’assessore Croci.

- Abbiamo tenuto ripetute assemblee dei cittadini per conoscere il loro intendimento.

- Abbiamo scritto al Difensore civico e all’Arpa.

- Abbiamo coinvolto il Consiglio di Zona, presentando una mozione e facendo deliberare loro, all’unanimità, una petizione che stigmatizza l’inquinamento acustico. La delibera del Consiglio di Zona è stata indirizzata all’Amministrazione comunale, alla Vigilanza urbana e all’ATM.

- Abbiamo organizzato una pubblica e civile manifestazione, segnalata alla Polizia, con blocco dei tram e coinvolgendo la stampa e i mezzi d’informazione.

- Abbiamo ripetutamente e progressivamente segnalato le inadempienze dell’ATM sui media tramite giornali, radio e TV.

- Siamo stati convocati a un tavolo di lavoro dal Direttore Generale dell’ATM, presente l’Assessorato alla viabilità. Ci sono state consegnate per iscritto proposte di risoluzione e impegni che ancora oggi stiamo perseguendo.

- Nel frattempo l’ATM ha posato sulla curva “incriminata” alcuni riduttori di rumore, che erogano un particolare liquido lubrificante (bisolfuro di molibdeno) che dovrebbe ridurre l’attrito dei carrelli con i binari. Il risultato è per ora insoddisfacente e inefficace, anche perché la manutenzione è poco solerte e spesso latita.

- La mobilitazione dei cittadini prosegue.

- Abbiamo da ultimo partecipato alla manifestazione cittadina Exposti al rumore.
I cittadini di Precotto sono assolutamente favorevoli allo sviluppo dei mezzi di trasporto pubblico anche su rotaia, né vogliono assolutamente osteggiare uno sviluppo armonico della città. Chiedono solo che anche l’ATM sia rispettosa dei limiti di legge di decibel nel far circolare i tram. I cittadini di Precotto chiedono unicamente di godere del diritto di “poter dormire” e di non essere vessati e resi insonni da lancinanti stridii e sferragliamenti dovuti a carrelli non sterzanti e curve progettate in maniera assurda, di raggio non consono ai mezzi tramviari a disposizione dell’ATM. Tutto questo per espressa ammissione degli stessi tecnici ATM e dei loro vertici aziendali.

La forza della mobilitazione è data dall’attiva partecipazione dei cittadini, dalla loro tenacia, costanza e perseveranza nel perseguire l’obiettivo di ridurre l’inquinamento acustico.

Anche a nome del Comitato di Quartiere di Precotto e dell’Associazione Insieme per Precotto esprimo la nostra solidarietà a tutti coloro che soffrono per l’inquinamento acustico.

Riccardo Magni
Coordinatore del Comitato di Quartiere Precotto